Disturbi alimentari

I principali disturbi dell’alimentazione

Quante volte abbiamo deciso di fare una dieta senza riuscire poi a mantenere il peso raggiunto per un lungo periodo? Portare avanti una dieta o i risultati ottenuti diventa molto difficile se per noi essa significa restrizione oppure se il cibo porta con sé significazioni di noia, distrazione, affetto.
Costruire quindi significati alternativi alla dieta e al cibo rappresenta una strada attraverso la quale lo psicologo o psicoterapeuta può agire con l’obiettivo di disinnescare alcune dinamiche disfunzionali, in questo caso specifico, nel rapporto con il cibo.
Uno dei sentimenti più comuni in queste situazioni è la frustrazione e il senso di colpa per le nostre “trasgressioni” a tavola.

Ben oltre questi sentimenti si va invece in tutte quelle situazioni in cui si innesca un vero e proprio disturbo alimentare e quindi in quei casi in cui abbiamo a che fare con problemi legati al cibo e che conosciamo con i nomi di anoressia e bulimia.

Contattami

Ti potrebbe interessare anche